lunedì 10 maggio 2010






















giovedì 22 aprile 2010

domenica 28 marzo 2010

Adius


Siete brave, sorridenti, piene di buoni valori e tanti bei modi di comportarsi con gli altri. Indossate carinissimi vestitini che a vedervi si possono intravedere i gusti delle vostre madri e gli occhi gelosi dei vostri padri ai quali piace vedervi vestite cosi'...come quando vent'anni prima si vestiva la mamma.

E' bello vedervi destreggiare in mezzo ai maschetti che con educazione vi guardano, senza esagerare, e poi scambiare se proprio siete in serata due paroline con un amico del tale che quindi è anche un po' vostro, e lasciarvi andare a parlare d'amore...l'amore.....dei vostri studi, del lavoro, di Reggio e di Berlusconi che continua a esagerare e di Ornella Vanoni che ha fatto un nuovo disco....ah....è eccezionale....siete davvero splendide a non dire un cazzo, a non darvi un cazzo, ma sentirvi meglio perchè in cuor vostro avete la conferma che qualche stronzo volendo lo si tira sempre fuori.....ah che bello!!!!

Gli occhi poi...sono una meraviglia della natura...in queste sere avete la stessa espressione dei giocatori del Catania quando hanno battuto l'inter venerdì. Siete in missione, in guerra, è bellissimo bisognerebbe uscire coi fucili, la mimetica, le bombe a mano e due bottiglie di wisky...( la guerra si puo' anche perdere....).

I maschietti ovviamente sono le vittime. I maschietti sono li appoggiati al muro che vi guardano con il quarto drink dell'ora e vi sorridono qualunque cosa voi diciate, giustamente, ma per il solo fatto che vi stanno a sentire si guadagnano piano piano un posto in quarta fila assieme a altri cinquanta poveri cristi che aspettano il momento buono.....per parlare d'ammore con voi....( Monta le due m sono volute)

e sono li...in giacca di velluto, camicia, sorridenti e pensano:" si cazzo ma cosa devo dirle per farle capire......boh...ma è meglio non osare per stasera...magari si offende....no no..la prossima volta, tanto la ribeccherò in giro....".

" Clara senti ma.......ma poi....a...lo vedi ancora Luca....?"

e lei " MA SIIIIIIIIIIIIII........CONOSCI LUCA.?????????"..........

lei è contentissima perchè aveva esaurito i due argomenti che conosce, cazzo, il nome di Luca le ha aperto almeno altri dieci minuti di conversazione comoda comoda........"

lei " ma dai pensa com'è piccolo il mondo, ma te l'ha raccontato di quella volta cheeeeeeeee........."

SE LA SITUAZIONE IN CUI VI TROVATE E' SIMILE A QUESTA RESTA UNA SOLA COSA DA FARE:

http://www.youtube.com/watch?v=ntsSDuwIAHw

ASCOLTATELA TUTTA VI RACCOMANDO. A differenza di Clara il bello arriva...dopo.....!!!!!!

giovedì 11 marzo 2010

ask Alessandro


Un misterioso "Borat" italiano è il caso giornalistico del momento in Cina. Da alcune settimane la sua rubrica "Ask Alessandro" appare sulle pagine del "Global Times", versione inglese del "Quotidiano del Popolo", voce ufficiale del governo. I testi esprimono gli stereotipi più comuni dell'immaginario collettivo costruito attorno al profilo del "latin lover" latino: sesso, generosità nelle conquiste femminili, gay, lusso, cibo, soldi. Tra gli argomenti più gettonati anche stranieri e migranti, con apprezzamenti xenofobi e razzisti.Il linguaggio è infarcito di allusioni volgari e termini scurrili, sempre inseriti in italiano. Migliaia di lettori hanno tempestato la Rete di critiche e proteste. Il compassato "Wall Street Juournal" ha dedicato al tormentone addirittura un editoriale, spiegando di non poter "neppure pensare a un modo di riassumere gli articoli" della pubblicazione "più sorprendente mai letta in un giornale". Conclusione del quotidiano americano: "Forse gli ambiziosi padroni dei media cinesi, non ignari dei sistemi di controllo, dovrebbero leggere quella colonna, prima di mandarla in stampa".
Lo sconosciuto guastatore presenta però un problema: "Ask Alessandro" riscuote un successo clamoroso. La sua rubrica è regolarmente la più cliccata dell'edizione online. Ogni tentativo di scoprirne la vera identità è fino ad ora risultato vano. L'autore si definisce "un maschio trasferito a Pechino", dopo essere stato "uno dei più grandi creativi pubblicitari" in Italia, conosciuto come "Marlon Brandex". Sostiene anche di essere l'autore del best seller "Come conquistare pollastrelle e influenzarle per fotterle", al secondo posto in Albania nel 2007 per colpa dell'edizione economica di "Contrabbandare pappagallini per piacere e per profitto". Accanto al testo compare anche una foto del sedicente Alessandro: un giovane al mare, abbronzato, perizoma blu tendente allo scoppio e posa da modello. Il caso, prima confinato tra i blogger, è esploso dopo l'ultimo articolo. Argomento: quanto tempo impiega una vagina a chiudersi se non viene utilizzata.
La direzione del "Global Times", travolta dalle proteste, ha infine rimosso il testo. Finito sotto altri indirizzi risulta però essere ancora una volta il più letto della settimana. La forma usata è quella della rubrica di posta dei lettori. Decine di donne, o uomini gay, tempestano da varie nazioni del mondo il "pubblicitario italiano" di domande su problemi di anatomia sessuale, tecnica del corteggiamento, espedienti di spionaggio sentimentale, tradimenti coniugali, trasandatezza e limiti degli stranieri. Abbondano misure, tempi e ricette per "non buttare i propri soldi al night". Ogni poche righe appare la frase "Alessandro si è fatto molte donne, veramente tante". Quasi un ritornello, divenuto ormai una sorta di irriverente slogan italiano tra i cinesi. Per questo il gioco, per quanto esplicitamente di cattivo gusto e ironico, rischia di innescare un incidente politico.
Secondo alcuni diplomatici, "Ask Alessandro" starebbe seminando tra i cinesi un'immagine patetica del carattere italiano. Nulla di grave, se non fosse che a diffondere il profilo è il quotidiano ufficiale del partito comunista, su cui non una parola sfugge alla censura preventiva delle autorità. Ci si chiede così perché la Cina, che vieta anche la critica più blanda al proprio potere e cancella il più velato dei riferimenti sessuali, consenta la pubblicazione di testi quasi porno che dipingono l'Italia come una nazione di maniaci, ingordi e ignoranti.Qualcuno sostiene che si tratta di una ritorsione, di raffinata allusività asiatica, per alcuni sgraditi apprezzamenti politici contro i cinesi espressi recentemente in Italia. Altri assicurano che il "Borat italiano" è solo il frutto dell'insensibilità orientale per i nervi scoperti dell'eterno melodramma mediterraneo. Altri ancora osservano che questa impresentabile immagine italiana non è poi tanto distorta. "Ask Alessandro", che potrebbe infine non essere nemmeno un italiano, nega e spiega: "Sono solo un maschio trasferito a Pechino, che si è fatto molte donne, veramente tante". Per maggiori spiegazioni invita a scrivergli direttamente all'indirizzo alessandro@globaltimes. com. cn.

domenica 7 marzo 2010

il lunedì di Pasqua

La cosa piu' difficile alla quale adattarsi, evidentemente è la pace e la soddisfazione. Finche' c'è qualcosa per cui lottare, la gente sembra capace di sopportare privazioni d'ogni genere. Togliete l'elemento della lotta e sono come pesci fuor d'acqua. Quelli di cui non hanno piu' nulla di cui preoccuparsi, spesso, per disperazione si addossano i pesi del mondo. Questo non per idealismo ma perche' devono avere qualcosa da fare, o almeno qualcosa di cui parlare. Se queste anime vuote provassero un vero interesse per la condizione dei loro simili si consumerebbero tra le fiamme della devozione. Basta varcare la soglia di casa per scoprire un regno abbastanza grande da esaurire le energie d'un gigante, o meglio, d'un santo. Naturalmente piu' attenzioni si presta alle deplorevoli condizioni esterne meno si è capaci di godersi quel tanto di pace e di libertè che si possiede. Fosse anche il cielo, il luogo dove ci troviamo, possiamo renderlo dubbio e sospetto. Alcuni diranno che non vogliono passare la vita sognando. Come se la stessa vita non fosse un sogno, un sogno realissimo dal quale non c'è risveglio! Si passa da uno stato di sogno all'altro: dal sogno del sonno al sogno della veglia, dal sogno della vita al sogno della morte. Chiunque abbia fatto un bel sogno non si lamenta mai d'aver sciupato il suo tempo. Al contrario, è felicissimo d'aver partecipato di una realta' che serve a intensificare e valorizzare la realtà quotidiana. Quasi tutti hanno avuto un momento nella vita in cui si sentivano cosi' bene, in così in completa armonia, da essere sul punto di esclamare: "Ah, questo è il momento di morire". Cos'è che si annida qui nel più profondo dell'euforia? Il pensiero che non durera', che non può durare? Il senso della fine? Forse. Ma io credo che ci sia un altro aspetto piu' profondo. Io credo che in tali momenti noi tentiamo di dirci cio' che sappiamo da un pezzo, ma che sempre rifiutiamo di accettare: che vivere e morire sono una cosa sola, che tutto è una cosa sola, e che non c'è nessuna differenza tra il vivere un giorno e mille anni. Confucio lo ha espresso cosi :" Se al mattino un uomo vede la Verita', può morire la sera senza rimpianti".
( H. Miller )

http://www.youtube.com/watch?v=N2LADZEDjcw

sesso con pigna


Una donna serba, Mirjana Gavaric, è finita in ospedale, vicino a Belgrado, in seguito al tentativo di utilizzare una pigna per masturbarsi. Quando la donna ha tentato di estrarre la pigna dalla vagina, la pigna è rimasta dolorsamente incastrata all’interno, con un “effetto amo”, e la donna non ha potuto fare altro che farsi portare in ospedale per ricorrere all’aiuto dei dottori, che hanno dovuto effettuare un complicato intervento chirurgico per estrarre la pigna.
La donna, di cui non è stata resa nota l’età, è stata descritta dai medici come “molto sola”.
The Sun

lunedì 1 marzo 2010

il lunedì di Pasqua

Una vasca di pesci. Una vasca con poca acqua e tanti pesci rossi e blu....
La vasca è piccola per tutti, ci si guarda e si fa finta di niente, ci si
scontra ma si ritorna subito al proprio posto, ci si scambia di posto, senza
che nessuno si accorga di niente.
La Big small vasca è una prigione di porcellana bianca e scivolosa. Siamo
tutti in cerca di sole, in cerca di amore, in cerca di una via d'uscita perche'
nella vasca la vita va stretta...
Tirocini, stage, corsi triennali di comunicazione, ingegnieri e astronauti
militari...per sopravvivere alla scivolosa vasca si fa' di tutto....si impara a
dire il falso all'universita', a subire a lavoro la gerarchia di anzianeita',
le regole di base per poter sopravvivere in vasca...
..ogni tanto qualcuno cerca di uscire e quasi quasi ce la fa anche a superare
il bordo della vasca che a un certo punto smette di essere scivoloso e diventa
piatto e comodo per saltare fuori...ma i numeri ci dicono che sono una
percentuale bassissima quelli che ce la fanno veramente ..
..solopochi eletti riescono ad uscire e a non tornarci piu'coi pesci
rossi....
I pesci rossi.... sono i proprietari per eccellenza della vasca...i pesci
standard quelli che la prima volta che la mamma ti compra l'acquarietto ti
butta dentro....
I pesci rossi...semplici, noiosi, deboli e stanchi e tanti..che girano per la
vasca passando sempre per gli stessi quattro angoli e incrociando i soliti
altrettanti quattro pesci rossi che come loro se la contano sul mangime che gli
è stato somministrato dal padrone Nettuno, e che è poco ed è brutto, ma è
questo che passa il convento...
Pesci rossi portatori di storia e tradizione che si accollano la sopravvivenza
della vasca e che quindi a Dio Nettuno non glie la faremo passare liscia...sono
guerrieri i pesci rossi..si indignano i pesci rossi, sxi incazzano i pesci
rossi...cazzo...ci sono i pesci rossi....scappate tutti ci sono i pesci
rossi..............i pesci...."niente ragazzi..il mangime è questo qui....ce lo
teniamo e basta..."...
Ai pesci rossi poi ci accoppiano i pesci blu.....i blu fish....i blu fish sono
i pesciolini metereopatici...i pesciolini con la villetta...pardon...la grotta
tutta per loro, quelli che per lavoro si mettono a fare gli organizzatori della
notte della vasca...quelli belli, quelli blu a strisce bianche....
...non si rendono neanche conto della vasca loro..a differenza dei rossi..e si
muovono cosi' per tutto il perimetro senza che lascino una traccia di merda che
non riuscivano piu a tenere....niente niente..la merda...a casa si fa!!!!
Ed è cosi' che i pesciolini con le pescioline rossi e blu girano per la vasca
scambiandosi doni e regali e baci e promesse....mentre altri pesci di cui non
si è parlato ma che sono quelli che colorano il tutto se ne stanno ai bordi
della vasca a pensare un modo di evasione che sia il piu indolore possibile....
il piu' anonimo e il piu' silenzioso..per non disturbare la tranquillita' di un
lunedi' da pesce rosso.

http://www.youtube.com/watch?v=nIgb75Kx3YI

sabato 27 febbraio 2010

culi e culi

"Meglio un culo che una faccia di culo" ha fatto scrivere Tinto Brass, candidato con la lista Bonino-Pannella in Veneto, sul manifesto-modello dove campeggia un sedere di donna sul quale poggia una mano con il caratteristico sigaro che ama sfoggiare.

Al di là delle considerazioni politiche, che non competono di certo al CinicòDio, vorrei consigliare al Maestro Brass di non essere così generalista: ci sono culi e culi, Tinto, questo lo dovresti sapere meglio tu di me. Per quanto riguarda la filmografia, invece, grazie, di cuore.

venerdì 26 febbraio 2010

big big big Mac



Questo hamburger, cucinato in un ristorante americano, pesa circa 83 chili e fa parte dei cibi più grandi del mondo.

wonder twitter


E' di pessimo gusto, lo so, ma a me ha fatto ridere. Mi giustifico con il fatto che a Stevie, in un'intervista, hanno hanno chiesto se per lui è stato un problema convivere con il suo handicap e lui ha risposto "No, sarebbe stato peggio nascere nero".

have a break

Nel set di Flickr di FriedToast sono raccolte più di 100 foto di confezioni di Kit Kat provenienti da tutto il mondo. Diversi gusti per palati differenti, soprattutto dal Giappone, tra cui snack con barrette al caffè, banana e fragola, ma anche salsa di soia o patatine fritte.

martedì 23 febbraio 2010

senti che aria buona



Linfen, 3 milioni di abitanti, nella regione dello Shanxi meridionale. La citta' si trova nella cosiddetta cintura carbonifera della Cina: la sua aria e' considerata la piu' inquinata del Mondo.